Nasce l’Associazione Nazionale Stampa Interculturale
Gli Ordini professionali mostrano la loro inadeguatezza di fronte ad una realtà sociale sempre più diversicata e multiculturale. Nasce così, all’interno del sindacato dei giornalisti, l’Associazione Nazionale Stampa Interculturale, per tutelare i giornalisti stranieri che non possono accedere alla professione e proporre una nuova chiave di lettura sul mondo dell’immigrazione.

Con il riconoscimento unanime del Consiglio Nazionale del Sindacato dei Giornalisti (Fnsi), è nata il 4 febbraio l’Ansi (Associazione Nazionale Stampa Interculturale), presentata ufficialmente a Torino lo scorso 18 e 19 febbraio. Si tratta di una realtà voluta e creata da un gruppo di giornalisti di origine straniera che lavorano nelle testate d’informazione italiane.

Un primo, incoraggiante, segnale di movimento all’interno di un settore, quello del giornalistico, attraversato da una crescente multiculturalità, grazie alla presenza, come in altri settori, di professionisti di prima e seconda generazione. Si tratta però soprattutto di un segnale in particolare della necessità di garantire una visione più sfaccettata del quotidiano, una lettura dei fatti che sappia tener conto anche degli aspetti culturali quando si trattano notizie che riguardano un mondo così complesso come è quello dell’immigrazione.

L’Ansi costituisce però anche un occasione per i giornalisti stranieri che intendono vedersi riconoscere la propria professionalità. Non più dunque “fonte privilegiata”, secondo la neo presidentessa Viorica Nechifor, ma professionista. Un percorso che è tuttavia intriso di ostacoli anche di ordine formale, dato che la cittadinanza italiana è requisito necessario, come in altri ordini professionali, per avere accesso alla professione.

«Ad oggi la legge che regolamenta l’Ordine dei Giornalisti è datata 1963 quando in Italia esistevano i giornalisti italiani e i corrispondenti stranieri. Oggi così non è» spiega Nechifor illustrando le difficoltà della categoria. «Noi non siamo giornalisti che scrivono per testate straniere e per questo non vogliamo essere iscritti in un elenco speciale».

(L’intervista a Viorica Nechifor, presidente dell’Associazione Nazionale Stampa Interculturale, è stata estratta dal programma radiofonico Focus, di Michela Trevisan)