Kenya / Al-Shabaab

Il gruppo terroristico al-Shabaab ha chiesto 1,5 milioni di riscatto per liberare due medici cubani rapiti il 12 aprile scorso a Mandera, città del Kenya vicina al confine con la Somalia.

Secondo i mediatori – un gruppo di anziani del clan somalo stanziato a Mandera e nella località di Bula Hawo in Somalia – i due, Assel Herrera Correa e Landy Rodriguez (nella foto), starebbero bene e si troverebbero in un piccolo villaggio isolato nel Jubaland, nel sud della Somalia, in un territorio controllato da al-Shabaab.

Durante la loro prigionia i due medici daranno servizi sanitari alle comunità locali. Non si sa però se sia una loro libera scelta.

I due medici cubani fanno parte di un gruppo di 110 sanitari arrivati in Kenya con accordo tra i governi di Nairobi e l’Avana. Sono stati dispiegati nel paese soprattutto nelle zone rurali. Dopo il rapimento dei due medici che operavano a Mandera, sono stati spostati in zone più sicure anche quelli che operavano in zone a maggiore rischio di attacchi terroristici, come le contee di Garissa, Wajir, Lamu e Tana River.

Permane invece il silenzio più assoluto sulla sorte della giovane cooperante milanese Silvia Romano, rapita la sera del 20 novembre 2018 nel villaggio di Chakama, nell’entroterra di Malindi. (Daily Nation)