Kenya / Corruzione

I vescovi del Kenya hanno lanciato una campagna anticorruzione chiamata “Spezziamo le catene della corruzione”. Sarà incentrata su un’attività educativa e di preghiera ed avrà una durata di sei mesi.

La conferenza episcopale keniana ha inoltre deciso di proibire donazioni in denaro contante e di accettare solo quelle effettuate elettronicamente, per potere tracciare i donatori ed evitare compromissioni con denaro di dubbia provenienza.

Il Kenya è un paese molto corrotto a livello globale. E’ 144esimo su 180 stati presi in esame nell’indice della percezione stilato lo scorso anno da Transparency International.

I vescovi definiscono la corruzione «una putrefazione del cuore», denunciando il fatto che genera sempre più povertà, aumentando il divario tra chi possiede tutto e chi non ha nulla. (Agenzia Fides)