‘Considerare gli effetti della crisi economica nel Sud del mondo’.
E’ questo che chiedono i rappresentanti dei paesi in via di sviluppo, all’incontro dei G20 il 2 aprile, a Londra. Si tratta di un forum composto dai membri del G8 a cui si aggiungono altri 12 paesi, tra i più industrializzati. I G20 rappresentano più del 90% di quel prodotto interno lordo mondiale messo a dura prova dalla crisi economica. La disgregazione dei sistemi economici e finanziari occidentali si sta ripercuotendo pesantemente anche sui paesi in via di sviluppo. E sono proprio questi paesi che chiedono ai potenti un maggior sostegno attraverso nuove regole e finanziamenti.
Un sostegno reclamato anche dal Papa che ai G20 chiede di ‘non fare dell’Africa la vittima della crisi economica mondiale’.
Vi proponiamo un’analisi della situazione di Luca De Fraia di Action Aid organizzazione internazionale, indipendente, impegnata nella lotta alle cause della povertà.

(A cura di Michela Trevisan)