Migranti / Spagna

Il numero di migranti che dall’Africa occidentale raggiungono via mare le coste della Spagna è aumentato in modo considerevole dall’inizio dell’anno rispetto allo stesso periodo del 2016. A fornire le cifre è stata ieri l’Organizzazione internazionale per la migrazione (Oim /Iom), secondo cui 11.849 persone sono arrivate in Spagna finora quest’anno, contro i 13.246 durante tutto l’anno scorso. La penisola iberica è comunque ancora molto lontana dall’Italia, che ha ricevuto 96.861 fino al 9 agosto scorso. Complessivamente, fa notare l’Oim, si è comunque registrato una diminuzione del 60% allo stesso periodo dell’anno precedente.

Lo spostamento può essere dovuto al fatto che i trafficanti considerano la rotta spagnola più sicura, secondo il portavoce dell’Oim, Joel Millman.
Molti di quelli che intraprendono il percorso attraverso il Marocco verso l’Europa provengono da paesi dell’Africa occidentale, come Senegal, Gambia, Guinea e Costa d’Avorio.

Ieri, la guardia costiera spagnola ha tratto in salvo 10 uomini provenienti dall’Africa sub-sahariana a Tarifa, all’imbocco dello Stretto di Gibilterra, dove il giorno prima una barca con a bordo 30 migranti era approdata su una spiaggia, tra lo stupore dei bagnanti. Secondo l’agenzia France Presse, 9 dei 30 migranti sono stati in seguito trovati. Sono tutti minori senza documenti, probabilmente marocchini.

Madrid però fatica a gestire l’aumento dei flussi migratori. L’organizzazione Medici senza Frontiere denuncia che i centri di accoglienza spagnoli sono già sovraccarichi e non rispondono alle esigenze delle migliaia di nuovi arrivati. (BBC)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati