Mozambico / Elezioni

La Commissione elettorale mozambicana ha confermato ieri la schiacciante vittoria del presidente in carica, Filipe Nyusi, e del suo partito, alle elezioni generali del 15 ottobre.

Nyusi ha ottenuto il 73% dei voti e il suo partito, Frelimo – al potere ininterrottamente dall’indipendenza nel 1975 -, ha mantenuto la maggioranza di seggi in parlamento dei governatori delle 11 province.

Il principale rivale di Nyusi, Ossufo Momade, esponente dell’ex movimento della guerriglia, Renamo, oggi principale partito dell’opposizione, si è fermato al 21,88% dei voti.

Renamo ha annunciato che non accetterà l’esito del voto, denunciando frodi, violenza e irregolarità fin dall’inizio. Le contestazioni dell’opposizione sono supportate anche dalle dichiarazioni degli osservatori europei, che hanno evidenziato disparità di forze nella campagna elettorale, uso ingiustificato delle risorse statali da parte del Frelimo e diffusa violenza.

Il risultato mette a serio rischio i fragili accordi di pace siglati lo scorso agosto tra i due partiti, dopo quattro decenni di violenza. Per 16 anni i due schieramenti hanno combattuto una guerra civile che si è conclusa con una tregua nel 1992, ma da allora si sono scontrati sporadicamente e Renamo non ha ancora abbandonato definitivamente le armi. (Reuters)