Nigeria / Chiesa

Ennesimo rapimento di un sacerdote cattolico in Nigeria. Padre John Bako Shekwolo, parroco della chiesa di Santa Teresa di Ankuwa, è stato sequestrato il 25 marzo nella sua abitazione, nel villaggio di Ankuwai, nello stato di Kaduna, nel centro-nord del paese. A darne notizia è l’agenzia Fides che riporta un comunicato dell’arcidiocesi di Kaduna.

Il rapimento del sacerdote cattolico è stato stigmatizzato dall’Associazione dei cristiani di Nigeria (Christian association of Nigeria – Can), che riunisce le diverse confessioni cristiane del paese, con una dichiarazione del suo presidente, il reverendo John Joseph Hayab: «È triste che lo stato di Kaduna sia diventato il centro del business dei rapimenti, con il governo che non fa quasi nulla per fermarli. Questo dimostra che c’è un fallimento della governance, per quanto riguarda la sicurezza della vita e della proprietà”, fa notare il reverendo.

I rapimenti e le uccisioni di sacerdoti cattolici sono in aumento negli ultimi anni. Il 20 marzo scorso è stato ritrovato il corpo senza vita di un altro sacerdote, don Clement Rapuluchukwu Ugwu, parroco della chiesa di San Marco a Obinofia Ndiuno, nello stato di Enugu, nel sud della Nigeria, rapito il 13 marzo. (Fides)