Somalia. Non chiare le accuse

Il 1° settembre la polizia somala ha arrestato a Mogadiscio il ministro per la sicurezza dello stato federale dello Jubbaland, Abdirashid Hassan Abdinur. Ha comunicato il provvedimento via Twitter il vicecomandante della polizia somala, Zakia Hussen, informando che il ministro è sotto inchiesta per “crimini seri”, senza fornire altre specificazioni.

Nel rapporto dell’Onu sulla situazione in Somalia del 2017, Abdirashid Hassan Abdinur era stato accusato di legami con episodi di tortura e abuso nel paese tra il 2014 e il 2015, ma non è chiaro se queste accuse siano la ragione dell’arresto, che arriva in un momento di grande tensione tra il governo centrale di Mogadiscio e quello federale dello Jubbaland. Il governo somalo, infatti, non ha riconosciuto valide le elezioni che hanno confermato alla presidenza dello stato federale Sheikh Islam Ahmed, conosciuto come Madobe

Abdirashid Hassan Abdinur è stato arrestato al suo arrivo a Mogadiscio, proveniente dall’Etiopia. L’amministrazione dello Jubbaland ha definito l’arresto illegale e ha dichiarato di considerarlo un rapimento.