Zuma potrebbe raggiungere il 65% dei consensi alle elezioni
Ritirate tutte le accuse a carico di Jacob Zuma, leader dell’Anc. Ora la vittoria alle presidenziale del prossimo 22 aprile è ancora più vicina.

Strada ormai completamente spianata verso la presidenza del Sudafrica per Jacob Zuma, leader dell’African national Congress (Anc), dato per favorito alle presidenziali del prossimo 22 aprile. La procura sudafricana ha deciso infatti il ritiro delle accuse a suo carico per 16 capi di imputazione, tra cui criminalità organizzata, riciclaggio, corruzione e frode.

Con la chiusura di questa lunga vicenda giudiziaria si rimuove l’ultimo ostacolo alla corsa al potere di Zuma: secondo le previsioni, il suo partito dovrebbe conquistare almeno il 65% dei voti, una maggioranza schiacciante, nonostante il netto calo rispetto al passato. A contrastare il potere dell’Anc anche la recente scissione del partito: proprio a causa della figura di Zuma, i sostenitori di Thabo Mbeki, ex presidente costretto alle dimissioni, hanno fondato una nuova formazione politica, il South African Democratic Congress, decisi a presentarsi al voto per la presidenza con un proprio candidato.

Le accuse nei confronti di Zuma risalgono al periodo in cui era vicepresidente del paese, in particolare ad un accordo per una fornitura di armi siglato nel 1999 dal governo di Pretoria con l’azienda francese Thales. Il caso era stato riaperto lo scorso gennaio, dopo che il precedente processo a carico di Zuma è stato annullato per un vizio procedurale.