Sudan / Europa

Sono arrivati a Khartoum mercoledì sera i migranti sudanesi deportati da Ventimiglia. Lo ha dichiarato il portavoce del ministero degli esteri sudanese che si è occupato della vicenda, Garib Allah, il quale ha confermato, inoltre, che l’operazione si è svolta in collaborazione con le autorità italiane, nel quadro di riferimento del recente accordo tra le polizie dei due paesi in materia di controllo dei flussi di persone e del traffico di esseri umani.

La ricostruzione fatta nella dichiarazione alla stampa del funzionario sudanese è leggermente diversa da quella finora conosciuta e diffusa dai nostri mass media. Infatti Garib Allah avrebbe sottolineato che il gruppo avrebbe fatto scalo a Roma, dove sarebbe passato dall’ambasciata sudanese per ricevere i nuovi passaporti. Anche il numero è leggermente diverso. Da Ventimiglia sono partiti in 48; a Khartoum il gruppo era di una quarantina di persone. Sembrerebbe che alcuni siano stati trattenuti, ma dove e perché?

Nella conferenza stampa Garib Allah avrebbe raccomandato ai giovani di migrare per vie legali, in modo da non incorrere in problemi con lo Stato.

Non è chiaro chi siano i migranti selezionati per la deportazione, in base a quali criteri è avvenuta la selezione e cosa succederà di loro dopo il rimpatrio forzato. (Radio Dabanga)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati