Sudan

La scorsa settimana circa 2.000 abitazioni e 3 scuole primarie sono state rase al suolo dalle autorità sudanesi nel quartiere di El Hilla El Jadeeda, alla periferia occidentale di Omdurman. Sarebbe cominciata anche la demolizione del quartiere di El Samrab village, e di parte di quello di El Siferab.

Secondo le autorità, si tratterebbe di un provvedimento volto ad una riqualificazione urbana della zona. Un testimone riporta però che gli abitanti delle zone interessate non sarebbero stati informati del provvedimento. Giovedì scorso, in mattinata, la polizia è arrivata con un certo numero di bulldozer per dare il via alla demolizione del quartiere, dopo aver mostrato l’ordine relativo firmato dalle autorità competenti. Gli abitanti non hanno potuto sapere se la zona sarà riqualificata come area residenziale oppure no.

Ora ci sarebbero almeno 5.000 persone costrette a vivere all’addiaccio, senza nessun posto dove cercare riparo. Il quartiere in via di demolizione è abitato in maggioranza da sfollati di lunga data, provenienti dal Sud Kordofan e dal Darfur. Anni fa furono trasportati in quella che era allora una zona desertica e senza infrastrutture a ovest di Omdurman. Qui gli sfollati hanno fatto nascere un nuovo quartiere, informale, dal quale ora stanno venendo allontanati.

Lo stesso provvedimento è stato preso lo scorso agosto nel quartiere di El Kheirat, alla periferia sud occidentale di Khartoum, abitato in maggioranza da sfollati dal Darfur. Anche quel quartiere era sorto in maniera informale. (Radio Dabanga)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati