Tunisia / Terrorismo

Il gruppo Stato islamico ha rivendicato ieri sera l’attentato contro un bus con membri della Guardia presidenziale a Tunisi avvenuto nella serata di martedì.

In un comunicato si spiega che l’autore dell’attacco è un tunisino identificato come “Abu Abdallah al Tunissi” che, munito di cintura esplosiva, è salito sul bus e si è fatto esplodere.

Nell’attacco sono morti 12 agenti. Le autorità tunisine hanno riferito di avere rinvenuto sul luogo dell’attentato anche i resti di un tredicesimo cadavere, che potrebbe essere quello del kamikaze. (Askanews / Afp)

Sempre ieri il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha condannato condanna l’attentato. Le Nazioni Unite sono “dalla parte del popolo tunisino – afferma in una nota Ban – mentre affronta la piaga del terrorismo e continua a consolidare e a rafforzare la sua democrazia”.

I membri del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, in un comunicato separato, rimarcano come nessun attacco terroristico “riuscirà ad invertire il percorso della Tunisia verso la democrazia e gli sforzi verso le ripresa economica e lo sviluppo”.

Il Cds sollecita tutti gli stati “a cooperare attivamente con le autorità tunisine” per assicurare i terroristi, gli organizzatori, i finanziatori e gli sponsor del terrore alla giustizia. (Agi)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati