Le presidenziali potrebbero tenersi il 15 aprile
Sospeso per vizi procedurali, il processo contro il leader dell’Anc Jacob Zuma potrebbe riprendere entro poche settimane: la Corte Suprema ha deciso di riaprire il caso. Ma Zuma, in corsa per le presidenziali di primavera, ha presentato ricorso alla Corte Costituzionale.

Jacob Zuma, leader dell’African National Congress (Anc, partito di maggioranza in Sudafrica) favorito alla presidenza in Sudafrica nelle prossime elezioni di primavera, ricorrerà alla Corte Costituzionale contro la decisione della Corte Suprema di appello di Bloemfontein, che ha autorizzato la procura a riaprire il caso per corruzione contro di lui. La Corte ha accolto l’appello della procura dopo la sentenza dello scorso settembre, in cui il giudice Chris Nicholson respinse la causa contro Zuma per un vizio di procedura. Il leader dell’Anc potrebbe quindi tornare a giudizio già il mese prossimo, dovrà quindi rispondere di 18 capi di imputazione tra cui: corruzione, tangenti, riciclaggio, evasione fiscale e frode. Zuma è infatti accusato di aver ricevuto tangenti dalla filiale sudafricana del gruppo francese Thales, nell’ambito di un accordo per una fornitura di armi nel 1999, mentre era vicepresidente del paese. Per la stessa vicenda, nel 2005 il suo consigliere finanziario Schabir Shaik venne condannato a 15 anni di reclusione, costringendolo così a dimettersi dall’incarico di vicepresidente. Il leader dell’Anc ha però più volte dichiarato di essere pronto alle dimissioni qualora venisse riconosciuto colpevole.

Proprio a causa dei suoi guai legali, dalla sua elezione alla guida del partito, nel dicembre 2007, si è aperta una spaccatura interna al partito, culminata nel settembre scorso con le dimissioni del capo di stato Thabo Mbeki e con la scissione del partito.

Intanto il legale di Zuma ha annunciato che il ricorso sarà presentato entro le prossime tre settimane, una decisione che consente al leader dell’Anc di guadagnare tempo e probabilmente di arrivare senza processi in corso all’appuntamento elettorale di quest’anno. Secondo alcune indiscrezioni circolate per ora solo sui quotidiani sudafricani, la data ideale per le elezioni potrebbe essere il 15 aprile. La notizia potrebbe essere confermata ufficialmente il 6 febbraio prossimo, in occasione del discorso di apertura dei lavori del Parlamento dell’attuale presidente Motlante.