Africa, la democrazia indietreggia - Nigrizia
Armi, Conflitti e Terrorismo Eritrea Pace e Diritti Politica e Società Somalia Sud Sudan
Rapporto della Fondazione Mo Ibrahim
Africa, la democrazia indietreggia
26 Gennaio 2023
Articolo di Redazione
Tempo di lettura 2 minuti
Mo Ibrahim

Negli ultimi dieci anni il continente africano ha conosciuto «un arretramento generalizzato della democrazia e la situazione securitaria si è fatta sempre più tesa». Tuttavia il buon governo globale medio risulta migliore nel 2021 rispetto al 2012.

In estrema sintesi, sono le conclusioni un po’ sibilline a cui è giunto l’ultimo rapporto della Fondazione Mo Ibrahim – creatura del miliardario uomo d’affari sudanese, naturalizzato britannico – che si è data la missione di promuovere il buon governo in Africa.

L’indice Ibrahim della governance in Africa (Iiag) utilizza 81 indicatori per analizzare quattro aspetti: sicurezza e stato di diritto; partecipazione diritti e inclusione; sviluppo umano; opportunità economiche.

Nel sottolineare che nel decennio l’Africa ha conosciuto 23 colpi di stato sui 29 complessivi nel mondo, il rapporto invita a «non considerare la democrazia come acquisita. Il fenomeno dell’“uomo forte” sta tornando di moda, non solo in Africa». E rimarca che «nel 2021, il 70% della popolazione del continente vive in paesi dove le condizioni i materia di stato di diritto e di sicurezza sono degradate rispetto al 2012».

Nello stesso tempo il rapporto rileva che oggi più del 90% della popolazione africana vive in paesi dove il livello di sviluppo umano – che prende in considerazione la possibilità di curarsi, l’educazione, la protezione sociale e la sostenibilità ambientale – è superiore rispetto al 2012.

Singolare poi che nella classifica dei paesi che hanno realizzato le migliori performance in termini di buon governo risulti la Tunisia… Mentre è condivisibile che in fondo alla classifica figurino nell’ordine Eritrea, Somalia e Sud Sudan.

Copyright © Nigrizia - Per la riproduzione integrale o parziale di questo articolo contattare previamente la redazione: redazione@nigrizia.it