Angola / Rd Congo

Le autorità angolane hanno lanciato una massiccia operazione di espulsione di migranti irregolari, per la maggioranza provenienti dalla Repubblica democratica del Congo, molti dei quali accusati di commercio illecito di diamanti. Secondo le autorità, 180.802 congolesi hanno attraversato il confine dall’inizio di ottobre.

Più di 51 mila sono rientrati solo negli ultimi giorni attraverso il confine con le province di Kasaï, il cui governatore, Marc Manianga, ha denunciato la morte di quaranta persone a margine di questa operazione. Il rappresentante della confinante provincia angolana di Lunda Norte, René Tshibangu, ha invece ammesso il decesso di 34 persone in un incidente, mentre erano a bordo di un autobus della polizia.

Nonostante le autorità angolane sostengano che la maggioranza dei migranti abbiano lasciato volontariamente il paese, le operazioni di polizia hanno provocato scontri tra congolesi, forze di sicurezza e angolani, in gran parte nella provincia di Lunda Norte. I media locali e una ong hanno riferito che diversi migranti sono stati uccisi, sebbene le autorità angolane abbiano negato qualsiasi decesso.

Il ??capo della polizia di Lunda Norte, Antonio Bernardo, ha detto che 800 stranieri provenienti da RdCongo, Libano, Mali e Nigeria, sono stati arrestati per il coinvolgimento nel commercio illegale di diamanti nell’area, aggiungendo che 120 locali commerciali sono stati chiusi e che sono stati sequestrati 30.000 diamanti.

Le autorità congolesi non hanno ancora reagito ufficialmente a questo improvviso rientro in massa di cittadini. (News 24 / Anadolu)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati