Arte e Cultura Senegal
14ª Biennale d’arte africana contemporanea, 19 maggio-21 giugno
Dakar assediata dall’arte
20 Maggio 2022
Articolo di Redazione
Tempo di lettura 1 minuti

“I Ndaffa” è il tema portante della 14ª edizione della Biennale d’arte africana contemporanea che si è aperta il 19 maggio a Dakar. “I Ndaffa”, spiega il direttore artistico El Hadji Malick Ndiaye suona come un’esortazione a creare un nuovo destino comune, un futuro insieme.

La Biennale ritorna dopo il rinvio dell’edizione del 2020, causato dalla pandemia, e va a proporre fino al 21 giugno le migliori opere di pittura, scultura, video, installazioni e performance. Sono in programma circa 300 esposizioni, dislocate a Dakar e sulle isole Ngor e Gorée.

L’esposizione ufficiale internazionale, che si tiene in un edificio che è stato un tribunale, si articola intorno a tre verbi: creare, immaginare e inventare. Si confrontano 59 artisti e collettivi di artisti di 28 paesi di cui 16 africani e 12 della diaspora.

La precedente edizione, nel 2018, aveva richiamato 250mila visitatori, più di 50mila dei quali arrivati dall’estero. Inoltre, secondo gli organizzatori, nell’edizione di quattro anni fa sono state generate transazioni di opere d’arte per un valore di quasi 13 milioni di euro.

Alla cerimionia inaugurale al Grand théâtre de Dakar era presente Macky Sall, presidente del Senegal e presidente di turno della Comunità economica dell’africa occidentale.

 

Copyright © Nigrizia - Per la riproduzione integrale o parziale di questo articolo contattare previamente la redazione: redazione@nigrizia.it