Tensioni nel nord del paese

Un totale di 110 scuole sono state chiuse nelle regioni di Adamaoua e del nord del Camerun a causa dell’insicurezza. Provvedimento assunto per il crescente numero di rapimenti registrati in quell’area.

Dalla fine del 2016, il Camerun settentrionale attraversa una crisi di sicurezza principalmente legata alle azioni dei movimenti secessionisti anglofoni. Le violenze nelle regioni anglofone del Camerun sono riesplose in concomitanza alle elezioni presidenziali dell’ottobre scorso, vinte dal presidente uscente Paul Biya che ha ottenuto la rielezione per un settimo mandato.

Nei mesi scorsi Amnesty International aveva riferito che almeno 400 persone erano rimaste uccise nel 2018 negli scontri delle regioni anglofone del Camerun.