Commercio

Il Ghana e la Costa d’Avorio hanno vinto, insieme, il braccio di ferro per ottenere un miglior prezzo di vendita del cacao, di cui producono il 65% del mercato mondiale.

Le due nazioni avevano minacciato di bloccare la vendita del raccolto 2020/21 se non si fosse raggiunto il prezzo base di 2,600 dollari per una tonnellata di cacao. Il prezzo fissato dall’Organizzazione internazionale del cacao è in media di 2,436 dollari, ma il prezzo reale di acquisto è molto più basso.

Joseph Boahen Aidoo, amministratore delegato della Commissione del cacao del Ghana, ha definito la notizia “storica”, affermando che fino ad oggi «sono sempre stati gli acquirenti a determinare il prezzo per i fornitori».
Aidoo ha aggiunto che ci sarebbe stato un incontro di follow-up per capire come implementare l’accordo, che dovrebbe prevedere anche l’impegno categorico per Costa d’Avorio e Ghana a non vendere i loro prodotti sul mercato internazionale al di sotto del prezzo minimo concordato.

La sospensione, annunciata una settimana fa alle parti interessate della catena del commercio del cacao – compresi commercianti, trasformatori e produttori di cioccolato -, fa parte degli sforzi dei due paesi per ottenere un prezzo equo per gli agricoltori.

Il mercato mondiale del cioccolato ha un valore di circa 100 miliardi, di cui solo 6 miliardi vanno ai produttori di cacao. (Africanews)