Il 10% del petrolio nigeriano andrà alla regione
A pochi giorni dalla fine di una tregua durata tre mesi, la situazione nella regione petrolifera del sud della Nigeria, sembra essere ancora tranquilla. Intanto il presidente Yar’Adua propone alle comunità del Delta, lo stanziamento del 10% dei proventi petroliferi del paese, in favore dello sviluppo regionale.

Tutto è calmo. Gli attacchi sembrano essere cessati, mentre di sequestri non si ha più notizia. Nonostante il Movimento per l’Emancipazione del Delta del Niger (Mend) sia tornato a minacciare il governo nigeriano e le multinazionali del petrolio, nulla si muove nella regione petrolifera del sud della Nigeria.

Scaduto il termine lo scorso a tregua che era stata lanciata nel luglio scorso, proprio per dimostrare la volontà di avviare una nuova fase di collaborazione con il governo, dopo la liberazione del leader storico, Henry Okah.
L’era della pacificazione lascia dunque numerose incognite, a cui solo il tempo saprà rispondere.