Etiopia / Terrorismo

Secondo notizie diffuse dall’emittente governativa Ethiopian TV, i servizi di intelligence hanno arrestato diversi terroristi dei gruppi al-Shabaab e Stato islamico. Con ogni probabilità gli arrestati stavano preparando attentati nella capitale, Addis Abeba, e in altre località del paese. La retata è stata possibile grazie alla collaborazione con numerosi governi nella regione, con quello americano, spagnolo, francese e italiano.

Nel rapporto dei servizi di intelligence si dice che i terroristi avrebbero usato esplosivi e armi da fuoco per attaccare luoghi frequentati da civili durante festività pubbliche e religiose in diverse parti del paese. Il team di al-Shabaab era guidato da tal Mohammed Abdulahi Dulet, entrato nel paese proveniente da Gibuti. Il gruppo aveva l’incarico di selezionare gli obbiettivi. A questo scopo fotografava hotel e altri luoghi pubblici. Il Dulet è stato arrestato nei pressi dell’aeroporto internazionale di Bole.

Altri 3 membri del suo gruppo sono stati arrestati a Gibuti. Due altre persone stavano cercando di arrivare in Etiopia da Hargeisa, nel Somaliland. Provenivano dalla Somalia meridionale e avevano seguito un training sull’uso degli esplosivi.

Tutti usavano nomi falsi e alcuni erano anche riusciti ad avere una carta d’identità etiopica. Sotto falso nome avevano aperto due conti correnti presso la Ethiopian Commercial Bank nei quali avevano già depositato circa 85.000 dollari. Altri due componenti del gruppo sono stati arrestati nella regione somala dell’Etiopia e nell’Oromia.

Nei pressi dell’aeroporto internazionale di Bole è stato arrestato anche Fuad Abshir Yesuf, dello Stato islamico, arrivato nel paese da Bosaso, nel Puntland, via Hargeisa. Un altro terrorista dello stesso gruppo è stato arrestato ad Awash, non lontano da Addis Abeba. (New Business Ethiopia)