Fake News / Social Media

Facebook ha annunciato che avvierà in 15 paesi africani un programma per il controllo di fake news. La scelta è motivata dalla consapevolezza dell’alto livello di disinformazione, soprattutto in politica e per questo lavorerà assieme alle agenzie di stampa, adottando le lingue locali, per monitorare i contenuti dei post sul social.

Il programma di controllo delle notizie sarà disponibile in Etiopia, Zambia, Somalia e Burkina Faso in collaborazione con AFP, e in Uganda e Tanzania attraverso Pesa Check e AFP. In Repubblica democratica del Congo e in Costa d’Avorio sarà applicato attraverso France 24 Observers e AFP, in Guinea attraverso France 24 Observers e in Ghana attraverso Dubawa.

In Kenya, Sudafrica, Nigeria, Camerun e Senegal, dove questi programmi sono già presenti, saranno ampliati.

Kojo Boakye, responsabile delle politiche pubbliche di Facebook per l’Africa, ha ribadito l’importanza che la società darà a questa campagna, menzionando anche un programma di espansione linguistica che era stato annunciato a inizio anno, affermando che tale espansione ha aggiunto la possibilità di controllare la precisione dei post di Facebook in diverse lingue africane.

Questo lavoro viene svolto in collaborazione con Africa Check, la prima organizzazione indipendente di controllo delle notizie del continente. (Africa Times)