Lesotho

Il primo ministro del Lesotho Thomas Thabane (nella foto con l’attuale moglie) ha annunciato ieri di volersi dimettere, cedendo così alle pressioni del suo partito, All Basotho Convention (ABC), che aveva chiesto le sue dimissioni la scorsa settimana.

Il prossimo passo sarà la nomina di un sostituto che dovrà essere approvato dal parlamento.

I membri anziani del partito accusano Thabane di ostacolare le indagini sull’omicidio della moglie, Lipolelo, uccisa da uno sconosciuto a colpi di pistola due giorni prima che il marito prestasse giuramento come premier, nel giugno 2017. All’epoca Thabane, che ora ha 80 anni, era coinvolto in aspre procedure di divorzio con lei. I due vivevano separati dal 2012.

La polizia sta cercando l’attuale moglie di Thabane, Maesaiah, dopo che la donna, invitata a comparire per essere interrogata il 10 gennaio scorso, non si è presentata. Un tribunale ha dunque emesso nei suoi confronti un mandato d’arresto.

Da allora sono state anche convocate altre figure di alto profilo per fornire informazioni sul caso, tra cui il ministro degli Affari Idrici e il segretario del governo. (Reuters)