Eritrea / Etiopia

Il primo ministro etiopico Abiy Ahmed è stato in visita ufficiale in Italia durante il suo viaggio in Europa per partecipare al Forum economico mondiale di Davos, in Svizzera, che si è aperto il 22 gennaio.

Nel nostro paese ha incontrato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e il presidente del consiglio, Giuseppe Conte. È stato anche ricevuto in udienza da papa Francesco.

Nella conferenza stampa congiunta alla fine dell’incontro con Conte, Abiy Ahmed ha detto che l’Italia finanzierà lo studio di fattibilità per la ferrovia che unirà il porto eritreo di Massawa alla capitale etiopica Addis Abeba, passando per Asmara, capitale dell’Eritrea, e Makallé, capitale dello stato etiopico del Tigrai e Awash. Non sono stati comunicati però i tempi previsti, né la somma necessaria a condurre lo studio, prima fase della costruzione della ferrovia, opera di primaria importanza per lo sviluppo economico dei due paesi. Faciliterà infatti le esportazioni e importazioni etiopiche e darà impulso all’indotto anche in Eritrea.

L’Italia aveva già costruito in epoca coloniale un tratto della ferrovia, che non era però mai arrivata oltre i confini dell’Eritrea. L’opera si era deteriorata durante i trenata anni della guerra di liberazione ed è stata parzialmente riabilitata dal governo eritreo alla fine degli anni novanta. Ora è in funzione il tratto Massawa Asmara, quasi solo a scopi turistici. La ferrovia è un’opera ingegneristica di grande impegno. Vi transitano per ora vecchi convogli trainati da vecchie locomotive, un tuffo nel passato che meriterebbe di essere meglio valorizzato. (Africanews / CGTN Africa)

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati