Mauritania / Giappone

Il Giappone finanzierà con circa 12,8 milioni di dollari il settore della pesca in Mauritania. L’accordo è stato firmato ieri a Nouakchott dal ministro dell’Economia e delle Finanze mauritano Ould Moctar Diay, e dal delegato del ministro degli Esteri giapponese, Masahisa Sato.

Secondo quanto riportato dall’Agenzia di stampa africana (Apa), il finanziamento ha lo scopo di rafforzare la capacità dell’Ufficio Nazionale di ispezione sanitaria dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura (Onispa) in materia di analisi e di controllo sanitario dei prodotti ittici. Il denaro servirà in particolare a realizzare laboratori ad alta tecnologia d’ispezione e di analisi per l’Onispa a Nouadhibou.

Parlando a margine della cerimonia della firma Ould Diay ha sottolineato che la concessione giapponese è di grande importanza per garantire la sicurezza dei prodotti della pesca in Mauritania, in conformità agli standard internazionali di qualità. Il ministro ha ribadito che le promettenti prospettive per il settore della pesca mauritano sono il risultato di azioni continue per integrarlo nell’economia nazionale attraverso lo sviluppo industriale, la trasformazione dei prodotti ittici e la modernizzazione delle filiere.

Il settore della pesca in Mauritania è in costante aumento negli ultimi 10 anni. Dal 2008 al 2018 il valore delle esportazioni di pesce è passato da 350 milioni a quasi un miliardo di dollari. Nello stesso periodo il numero di impiegati nel settore è passato da 34mila a 60mila.
Il paese, che conta 700 chilometri di costa su un tratto di oceano altamente pescoso, vanta una produzione annuale globale di oltre 400mila tonnellate di pesce di diverse specie. (Anadolu / Le360)