Mozambico

Il presidente del Mozambico Filipe Nyusi firmerà oggi un accordo di pace con il leader dell’opposizione, il comandante in capo della Resistenza nazionale mozambicana (Renamo), Ossufo Momade. Ad annunciarlo è stato ieri lo stesso presidente.

L’accordo sarà firmato a Gorongosa, storica roccaforte degli ex ribelli nel Mozambico centrale, dove nei giorni scorsi è inizato il disarmo degli ex ribelli Renamo con una cerimonia – con la consegna di fucili e munizioni da parte di quattro figure di spicco del gruppo – svolta alla presenza di consulenti militari internazionali e rappresentanti del governo di Maputo.

Secondo la stampa locale, il disarmo dovrà riguardare nel complesso 5.221 combattenti della Renamo, formazione coinvolta nel conflitto civile con il Fronte di liberazione del Mozambico (Frelimo), deflagrato dopo l’indipendenza nazionale ottenuta dal Portogallo nel 1975.

Sulla base di un accordo con il governo definito nei mesi scorsi, al disarmo dovrebbe seguire il reinserimento dei combattenti nell’esercito regolare. L’intesa è stata sottoscritta dopo una nuova fase di violenze, assassinii e imboscate, che si era acuita in coincidenza con le elezioni politiche del 2014. Dell’accordo fa parte un’amnistia per reati commessi proprio in questa fase, fino al 2016.

Il processo di pace in atto è particolarmente rilevante visto l’approssimarsi delle elezioni generali del 15 ottobre. (Dire / France 24)