Raccolta della plastica nella discarica di Dandora, a Nairobi (Foto Ohga)

Oscar Aghan, medico di formazione, è oggi un imprenditore specializzato nella gestione dei rifiuti. Le sua aree di interesse vanno dal riciclaggio della plastica, del vetro, delle lamiere alla produzione di bricchetti di carbone (carbone polverizzato e poi compresso), dai fertilizzanti alla bioenergia. È un innovatore e la sua inventiva gli è valsa numerosi riconoscimenti.

In Italia si è soliti associare l’Africa a una miriade di problemi. Uno di questi è la gestione dei rifiuti e le grandi discariche che si incontrano nelle periferie urbane. Bene, lo scopo delle imprese di Aghan – Corec, Bentos Energy, Vanguard Contractors, Green Pavers, Alara. – è di ridurre la quantità di rifiuti che finiscono nelle discariche, creando occupazione per i giovani attraverso attività di riciclaggio.

Il compito che si è dato Aghan, in quanto imprenditore sociale, è volto a generare un cambiamento, a migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini. La gestione dei rifiuti è una enorme sfida sociale e ambientale in Kenya.

Spiega Aghan: «Il Kenya deve affrontare con serietà e continuità la gestione dell’enorme quantità di rifiuti prodotta ogni giorno. Ho capito che c’era un opportunità e ho cercato di trovare una soluzione. Così raccolgo i rifiuti, che si tratti di vetro, plastica, cibo, latta o biomassa, e li trasformo in prodotti utili. Con il materiale riciclato produco tra l’altro assi di legno, lastre di pavimentazione, coperchi per chiudere pozzetti, tegole, piastrelle e pali di recinzione».

Tra i clienti si segnalano imprese di costruzione che lavorano sia nelle aree urbane della classe benestante sia nei quartieri popolari. Aghan ha avuto la lucidità di comprendere che le sfide – e nel settore dei rifiuti se ne incontrano parecchie – offrono anche delle opportunità.

Le sue imprese, non a caso localizzate nelle baraccopoli di Nairobi, non mettono il profitto al vertice delle strategie, e cercano di dotarsi di…
(Continua a leggere abbonandoti alla versione cartacea e/o digitale del mensile)