Somalia / Qatar

Il ministro della difesa del Qatar ha fatto sapere che il suo paese ha donato 86 veicoli armati alla Somalia, per sostenere il governo somalo nella sua lotta contro il terrorismo.

Il provvedimento, che potrebbe configurarsi come una violazione dell’embargo dell’Onu sulla fornitura di armi alla Somalia, può essere considerato anche come l’ultimo atto, per ora, nella competizione con gli Emirati arabi uniti (Eau), per consolidare la propria influenza nel paese. La Somalia è rimasta neutrale nel conflitto yemenita tra la cordata di paesi arabi guidata dall’Arabia Saudita, di cui fanno parte gli emirati, e quella guidata dal Qatar, contrario alla guerra.

Gli Eau e il governo di Mogadiscio sono ai ferri corti da marzo scorso, quando i primi hanno deciso forti investimenti non concordati nel porto di Berbera, nello stato del Somaliland, che si è autoproclamato indipendente. Lo scorso aprile il governo somalo ha interrotto il programma di un training militare che gli Eau avrebbero dovuto sostenere a vantaggio dell’esercito di Mogadiscio.

La Somalia è un partner importante per i paesi della penisola arabica per la sua lunga costa affacciata sul golfo di Aden, da cui passano i traffici commerciali tra l’Africa e il Medio Oriente. Non a caso la competizione tra le due cordate di paesi arabi (e non solo) si sta giocando sul controllo dei porti del Corno e dell’Africa orientale. (Dover Daily News)