Tanzania

Yang Feng Glan, donna d’affari cinese meglio conosciuta come “la regina dell’avorio”, è stata condannata a 15 anni di carcere da un tribunale di Dar es Salaam per aver contrabbandato centinaia di zanne d’elefante tra il 2000 e il 2014.

Feng Glan era a capo di una delle più importanti reti africane di trafficanti d’avorio. Ha contrabbandato oro bianco per un valore di 2,5 milioni di dollari, proveniente dal massacro di almeno 400 elefanti. Insieme a lei sono stati condannati alla stessa pena anche due cittadini tanzaniani.

La donna, 70 anni, era stata arrestata nell’ottobre 2015, dopo essere stata fermata per aver superato i limiti di velocità. Allora era proprietaria di un noto ristorante di Dar es Salaam e di una compagnia d’investimento. I suoi beni sono stati confiscati.

Il bracconaggio per l’avorio ha provocato il declino della popolazione di elefanti di almeno il 20% nell’ultimo decennio. Secondo l’International union for conservation of nature (Iucn), nota organizzazione per la protezione della natura, negli ultimi 10 anni il numero dei pachidermi è diminuito di almeno 110mila capi. Nel continente, oggi, ne resterebbero solo 415mila esemplari. (BBC)