Economia Egitto Etiopia Sudan
Per il premier Abiy Ahmed si tratta di un grande progetto patriottico
Etiopia: accesa la prima turbina della diga Gerd. Polemica con l’Egitto
21 Febbraio 2022
Articolo di Redazione
Tempo di lettura 2 minuti
diga

L’Etiopia ha inaugurato ieri la sua più grande diga sul Nilo, la Grande diga etiopica della rinascita (Gerd). Il progetto, destinato a essere il maggiore del continente, è al centro di una polemica con i due paesi a valle, Egitto e Sudan, preoccupati per il futuro flusso del Nilo.

Ma per il primo ministro etiopico, Abiy Ahmed, questo «grande progetto patriottico» rafforza la sua immagine, mentre la guerra continua nel nord del paese

Abiy Ahmed ha insistito per premere lui stesso il pulsante che ha acceso la prima turbina della Gerd, generando i primi megawatt di elettricità, quasi 11 anni dopo l’inizio della costruzione.

Tuttavia, il cantiere faraonico non è ancora terminato. È in funzione una sola turbina, a breve ne seguirà una seconda. Non è stato fornito alcun calendario per la finalizzazione del progetto che dovrebbe avere 13 turbine e diventare la più grande diga in Africa.

«È un giorno per il quale gli etiopici hanno sacrificato tanto», ha dichiarato Abiy Ahmed accompagnato da una nutrita delegazione governativa.

La Gerd è fondamentale per il presidente del Consiglio, sia per generare elettricità a cui non hanno accesso 60 milioni di etiopici, sia per riunire la società etiopica, attualmente dilaniata dalla guerra civile nel nord del paese.

Abiy Ahmed ha cercato di rassicurare i suoi vicini egiziani e sudanesi, contrari al progetto. «Questa diga sarà a beneficio di tutti gli africani», ha affermato.

Tentativo di rassicurazione, il suo, non riuscito. L’Egitto, infatti, ha subito condannato l’annuncio etiopico, definendo l’atto una palese violazione della Dichiarazione dei principi firmata tra Addis Abeba, Il Cairo e Khartoum nel 2015. In un comunicato stampa, il ministero degli affari esteri egiziano afferma che il passo è stato annunciato “unilateralmente” come è avvenuto nel primo e nel secondo riempimento della diga avvenuti nel 2020.

 

 

 

 

Copyright © Nigrizia - Per la riproduzione integrale o parziale di questo articolo contattare previamente la redazione: redazione@nigrizia.it