Nigeria / Zamfara

Il governo nigeriano ha ordinato ai cittadini stranieri di lasciare entro 48 ore i siti minerari nello stato di Zamfara, nel nord-ovest del paese, accusandoli di essere responsabili dell’aumento del brigantaggio e dei rapimenti nella zona.

In una serie di annunci pubblicati su Twitter, il presidente Muhammadu Buhari ha inoltre annunciato una sospensione delle attività minerarie a Zamfara e in altre aree, avvertendo che agli operatori minerari che violeranno l’ordine, saranno revocate le licenze.

Il provvedimento, ha affermato Buhari, è stato preso «in seguito a rapporti di intelligence che hanno chiaramente stabilito un nesso tra le attività dei banditi armati e quelle dei minatori illegali». Secondo quanto riferito dalle autorità di Abuja, decine di persone sono state uccise nello stato di Zamfara dall’inizio di quest’anno. (Africanews)