rd Congo / Cobalto

Dall’inizio del 2019, il prezzo del cobalto è crollato e l’impresa svizzera Glencore ha deciso di sospendere la produzione della miniera di Mutanda – vicino alla città di Kolwezi, nel sud della Repubblica democratica del Congo – che mette sul mercato un quarto del cobalto a livello mondiale. La decisione dovrebbe divenire operativa a giorni: sono in gioco 2mila posti di lavoro diretti e più di 6mila nell’indotto.

La Glencore sottolinea che dal gennaio di quest’anno il prezzo del cobalto è calato del 58%. E ciò sarebbe da attribuire alle incertezze del mercato delle automobili elettriche (il cobalto è utilizzato nella produzione di batterie elettriche) che stanno sostituendo troppo lentamente quelle a gasolio e a benzina. C’è però un altro fattore da considerare. La mossa dell’azienda svizzera potrebbe essere finalizzata anche a vincere il braccio di ferro fiscale con il governo di Kinshasa che di recente ha alzato le tasse sull’attività estrattiva. (Radio France International)