Senegal / Salute pubblica

A partire da ottobre il Senegal garantirà trattamenti chemioterapici gratuiti per i tumori al seno e al collo dell’utero. Lo ha annunciato il governo di Dakar, precisando che i servizi saranno disponibili negli ospedali pubblici. Per assicurare la gratuità il governo ha già stanziato l’equivalente di un miliardo e 600 milioni di dollari.

L’annuncio è stato accolto con soddisfazione da operatori sanitari e attivisti per il diritto alle cure. Secondo Fatma Guenoun, dottoressa a capo della Lega senegale anti-cancro, la gratuità dei servizi è importante perché copre le “tipologie tumorali piu’ diffuse tra le donne”. Positive anche le reazioni dei responsabili dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), secondo i quali la misura potrebbe dare un contributo per la riduzione della mortalità e nella lotta contro la povertà.

Uno degli ostacoli sulla via del diritto alle cure resta però legato alla prevenzione e alla mancata copertura finanziaria per mammografie e radioterapie. Tra i paesi dell’Africa dove sono già previsti trattamenti chemioterapici gratuiti ci sono Rwanda, Namibia e Seychelles. (Dire)