Betlehm, sorella di Dawit (Credito; Sverige radio)

Che fine ha fatto il giornalista Dawit Isaak, in carcere in Eritrea dal 2001 – senza mai essere stato giudicato – semplicemente perché aveva scritto sul giornale indipendente Setit degli articoli che reclamavano riforme? È l’appello lanciato da due relatori delle Nazioni Unite incaricati di far luce sul caso e sottoscritto dal Gruppo di lavoro sulle sparizioni forzate.

Nel comunicato si chiede al regime di Isaias Afwerki «l’immediata scarcerazione» del giornalista con la doppia nazionalità, svedese ed eritrea, e comunque che siano presentate le prove che sia vivo e in buona salute.

Affermano i relatori Onu che Dawit Isaak, rifugiato in Svezia nel 1987 mentre era in atto la guerra contro l’Etiopia, ritornato in Eritrea nel 2001 e arrestato nel settembre di quell’anno, dovrebbe trovarsi nella prigione di Eiraeiro. Una prigione riservata agli oppositori del regime e della quale non è certa nemmeno l’ubicazione (secondo alcune fonti è vicino al villaggio di Gahtelay, nella regione del Mar Rosso settentrionale; secondo altre è a poche chilometri dalla capitale Asmara), ma che è nota per le pratiche di tortura e per le pessime condizioni di detenzione.

«Nei primi anni della sua detenzione si sono avute informazioni secondo le quali il giornalista era spesso ricoverato in ospedale. E questo era preoccupante. Ma ora non arriva nessuna notizia e ciò è anche peggio», rimarca il comunicato Onu.

Il caso di Isaak è noto alla comunità internazionale, ma il regime-gulag del presidente Afwerki, impegnato nella guerra in Etiopia, non reagisce in nessun modo. E il paese si merita il podio, dopo Corea del Nord e Turkmenistan, nella classifica della minore libertà di stampa stilata da Reporters sans frontières e in quella del Comitato per la protezione dei giornalisti.

Anche Amnesty International si batte da anni per la liberazione senza condizioni di Dawit Isaak che considera un prigioniero di coscienza.

 

Copyright 2021 © Nigrizia - Tutti i diritti sono riservati